Ballare contro la violenza di genere, One Billion Rising

Gridiamo la nostra libertà

Eravamo in tante al flashmob contro la violenza sulle donne lo scorso 14 febbraio, giorno di San Valentino .

Non solo a Pesaro, non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Si perché l’obiettivo dell’iniziativa OneBillionRising,  necessitava che la nostra presenza fosse massiccia . www.onebillionrising.org

flashmob_piazzapopolo_pesaro

Era importante che la terra tremasse  sotto i piedi danzanti di milioni di donne, bambine e anche di molti uomini che, insieme a noi, hanno voluto urlare a favore di un diritto inalienabile: la libertà, contro la violenza di genere.

Ballavano tutti, anche chi stava intorno a noi, chi guardava, sorrideva, scattava foto, chi semplicemente c’era.

“Break the chain” è stato il motto.
Spezza la catena.
Rompi il silenzio.
Esci dal buio.
Parla.
Reagisci.
Non sei sola.

No. Non siamo sole e lo hanno dimostrato le donne straordinarie del Centro antiviolenza “Parla con Noi” della provincia di Pesaro- Urbino, aderendo al progetto One Billion Rising for Justice. Il centro sostiene attivamente le donne che sono vittime di violenza, verso un percorso di uscita dalla condizione di vittime, aiutandole a riprendere in mano le redini della propria vita, con determinazione e forza. Perché questo è possibile.

L’esempio di Pesaro, ha dimostrato l’importanza di fare fronte comune su tematiche urgenti e delicate come questa e che, grazie alla collaborazione appassionata di persone che ci credono, si può fare tanto.

Tanti amici, colleghi, hanno messo a dispozione le proprie competenze, professionalità e  mezzi, per la buona riuscita dell’evento. Ed è stato meraviglioso!

Dunque balliamo e cantiamo gioiosamente la nostra libertà. Allontaniamo il buoi da noi. Facciamo entrare musica e sole nelle nostre vite. Sconfiggiamo il male e la paura con un grido di gioia e speranza.

Noi l’abbiamo fatto e non smetteremo di farlo.

It is a Promise!

Il teatro, dietro

Recitare è più di uno sport estremo, non basta coraggio, ci vuole cuore.

Il teatro non è semplice. Non è che tu sali su di un palco e, seppur piccolo, reciti la tua particina cercando di dimostrare di avere buona memoria e aggiungendo a questo, una discreta impostazione della voce.

No cari miei, non è affatto così!

Recitare è come lanciarsi da 4.000 metri

Il teatro è qualcosa di molto più complesso. Il teatro “è tanta roba”. Non puoi capirne appieno la forza, finchè non provi a superare il confine che fa di te non più solo spettatore, ma artefice dello spettacolo.

Tutt’ora vado a teatro.  Ho sempre amato il coinvolgimento emotivo che suscita in me. Per questo continuo ad amarlo, ma viverlo da dentro è vertiginoso,  graffiante, estremo, sensazionale…

Recitare ha un prezzo. E’ eccitante e doloroso al contempo. E’ introspezione, indagine, avventura, meraviglia e da ultimo, non meno importante è dolore, appunto.

Il teatro vale mille sedute dallo spicanalista; l’unica differenza è che il tuo unico interlocutore, sei tu. O meglio quell’altro te che è nascosto sotto la pelle. E la pelle sapete,  ha molti strati! Pensate a  quanto  deve esserci lì sotto!

Ognuno di noi è dotato di sensibilità propria e proporzionalmente a questa, può avere più o meno consapevolezza di quanto ci sia di nascosto sotto la propria pelle. Molti possono vivere l’intera vita senza nemmeno percepirne la presenza latente.

Io invece, ho sempre sentito un brulicare vivace sotto di me, ma per qualche ragione legata a stupide contingenze – usate più come scuse – ho rimandato la ricerca.  Poi però, non ci sono più riuscita.

Ora sono completamente sedotta da questa vertigine e ogni volta è come essere immersa in un vortice emotivo potentissimo, è come trovarsi in cima ad una vetta desidorosi di lanciarsi verso “lo straordinario”.

Grazie a quel territorio nuovo in cui emerge, ancora timida, un’abbodanza di me,  comprendo quanto di meraviglioso ancora mi attende.