Il Tempo, niente di più prezioso!

“Nel corso della storia questa civiltà ha imparato

a misurare il tempo e a farne un bel tracciato

clessidre e meridiane no non posso sopportare

nessuno può fermarmi, se voglio rallentare” 

Punkreas, L’orologio 

rallentare

Periodo intenso, quest’ultimo.

Ho un po’ anzi, potrei azzardare, del tutto trascurato il tempo che solitamente dedico a me. E quando parlo del tempo che dedico a me, non mi riferisco al tempo per lo sport o per un’uscita con gli amici a fare baracca; intendo quel rapporto speciale, intimo e prezioso che riservo al dialogo con l’altra me, quella nascosta sotto la pelle. Quelle lunghe chiacchierate durante le quali riaffiorano sogni, speranze, ricordi, dubbi, interrogativi e ovviamente qualche paura.

In questi giorni un avvenimento mi ha fatto necessariamente rallentare e, rallentando, ho avuto molto tempo per pensare a quanto sto per scrivere.

Pensavo al privilegio di poter fermare il tempo.

Pensavo a questo blog, a questo pezzo di me che ho deciso di rendere pubblico e lo pensavo come ad un caro amico da lungo tempo trascurato. Ho percepito il forte desiderio di rivederlo, di rifrequentarlo; perché  mi rigenera e mi fa sentire bene. A conferma che il tempo che dedichiamo a noi stessi, così come lo intendo, è assolutamente prezioso.

Tutto ciò rappresenta un rallentamento magico, oltre che utile, per connettersi con la parte più profonda di noi. E’ un’occasione per dare definizione alla nostra vita, quella del presente, troppo spesso lasciata procedere per inerzia.

Questo, è il tempo in cui il mondo tutt’attorno come per incanto, sembra bloccarsi. Si ferma. Mentre il TUO tempo, quello biologico, quello scandito dai battiti del cuore e dagli innumerevoli pensieri prevale su tutto, offrendoti quella splendida sensazione di percezione autentica e sincera di te.

E’ fondamentale prendersi il proprio tempo per curare ciò che si ama fare, dedicandosi al nutrimento della propria parte spirituale. Alimentare le emozioni attraverso le quali dare nuovi slanci alle proprie ispirazioni troppo spesso sopite dalle incombenze del quotidiano. Detto altrimenti, non dobbiamo smettere di sognare, di progettare!

Fino a poco tempo fa sentivo il peso di questa esigenza, senza riuscire ad appagarla; una continua lotta con il desiderio sempre più urgente di tagliare fuori –temporaneamente- il resto del mondo e coltivare il mio micro-cosmo.

Non dovremmo mai perdere la capacità di dedicarci a noi, anche se non è sempre facile. Possiamo allenarci giorno dopo giorno, pezzettino dopo pezzettino a conquistare la nostra terra promessa, quella che ci spetta di diritto e che nulla e nessuno può espropriarci, né il lavoro, né chi ci sta intorno.

Siate sempre grati della bellezza che vi circonda e non perdete il ritmo del vostro tempo, e quando vi sembra sfuggirvi, sfoggiate il vostro sorriso migliore e persuadetelo a starvi accanto! 

Italy in a Day: le voci e i volti di una Italia che si racconta

Un progetto collettivo dal grande valore sociale

the_universe_is_made_of_stories_no_of_atoms (2)

E’ stato presentato alla 71° Mostra del Cinema di Venezia il documentario fuori concorso di Gabriele Salvatores, Italy in a Day. Forse non tutti ricorderanno l’iniziativa omonima lanciata lo scorso autunno via tv e radio, in cui si invitava il pubblico a riprendere uno spaccato della propria vita durante le 24 ore del 26 ottobre.

Un progetto già precedentemente sperimentato dal titolo  Life in a Day,  opera collettiva sulla Gran Bretagna nata dall’impulso di Ridley Scott in qualità di produttore esecutivo e diretto da Kevin McDonald.  All’iniziativa straniera aderirono 13mila persone, mentre per la versione italiana, sono giunti  oltre 44.000 video per un totale di ben 2.200 ore di immagini.

“Non so se abbiamo riportato l’Italia reale”, racconta Salvatores durante la conferenza stampa a Lido di Venezia, “…quello che posso assicurare è che il materiale selezionato dalla mia troupe rispecchia in termini di proporzione, sentimenti ed emozioni”.

Italy in a Day uscirà nelle sale il 23 settembre prossimo e sono certa che sarà una sorpresa emozionante!

Io sono una delle migliaia di persone che hanno preso parte a questo progetto, spinta dalla necessità di sentirmi parte di un tutto, di una grande comunità: il popolo d’Italia. Italy in a Day ha dato voce a tutti coloro avessero l’esigenza di urlare al mondo: “Ci sono anche io. Anche se costretto ai margini, anche se arranco. Esisto. Amo. Sogno. Spero”.

Aderire al progetto ha significato riconoscere l’efficacia dell’espressione artistica, quale arma bianca, in grado di combattere simbolicamente ed efficacemente i timori che caratterizzano più che mai questa fase storica. La catarsi artistica conferma la sua efficacia nel far confluire i pensieri residui e dannosi verso binari innocui, scongiurando soluzioni che talvolta potrebbero spingere a tragiche conseguenze.

Io per prima descrissi la frustrante condizione di laureata senza lavoro certo, in un periodo in cui tutto sembrava remare contro. L’allora frattura, procuratami durante gli allenamenti, mi mise a dura prova limitando la mia libertà, oltre ad influenzare notevolmente il mio spirito.

Bè, per l’occasione raccolsi tutta la forza e la grinta possibili per trasmettere realisticamente; positività, fiducia e forza.

La forza è un concetto a me molto caro, perché sinonimo di salute. Ritengo che un corpo forte sia la dimora di uno spirito che non accetta l’arrendevolezza, facendo di se stesso la risorsa primaria su cui contare; per questo nel periodo di semi degenza continuai ad allenarmi adattando tutta la quotidianità a una nuova condizione: me con quel dannato gesso, appunto!

Come talvolta accade, la vita cela dietro le situazioni meno promettenti sorprese inaspettate. In quel periodo di significativo rallentamento della mia vita – solitamente caratterizzata da ritmi piuttosto sostenuti – scoprii gradualmente il piacere delle scorrere lento del tempo, godendo della compagnia e disponibilità degli affetti più cari. Un’altalena di emozioni contrastanti grazie alle quali – ora lo posso affermare – si sono accese nuove consapevolezze; prima fra tutte, che non sono wonder woman e che anche io mi spezzo! 🙂

Tornando a Italy in a Day, sapere che la riposta a questa iniziativa sia stata massiccia mi rincuora e alimenta ulteriormente quella segreta speranza che insieme possiamo cambiare le cose, e fin tanto che le donne e gli uomini di questo tormentato paese, avranno tempo e voglia di sperimentare il fantastico gioco dell’arte per progetti dal grande valore sociale come questo, vuol dire che non è finita e che proprio come è capitato a me, riportando l’esperienza personale su scala nazionale, anche in questo caso la sorte potrebbe sorprenderci, proprio come quei bellissimi goal al novantesimo!

 Dai Italia, ce la facciamo a rialzarci, dajè!